Huawei: la prossima EMUI sarà la 8.0 e non la 6.0

Huawei: la prossima EMUI sarà la 8.0 e non la 6.0

La settimana scorsa sono comparsi online una serie di indizi relativi all’aggiornamento ad Android Oreo per il Huawei Mate 9. In realtà si tratta di una versione pre-release, che in qualche modo il sito di sviluppatori XDA Developers è riuscito ad accaparrarsi. Come tutti sappiamo, Huawei ha da sempre personalizzato moltissimo l’interfaccia originale di Android. Oltre alla nuova versione del sistema operativo arriverà anche una nuova versione della EMUI, la ROM della compagnia cinese.

Se siete interessati a vedere come è effettivamente la nuova EMUI con Android Oreo, seguite questo link. La parte interessante è in realtà solo una formalità. L’ultima versione della EMUI è la 5.1, basata su Android 7 Nougat. Di conseguenza, a logica la prossima versione (basata su Android 8.0 Oreo) dovrebbe essere la EMUI 6.0. Ma evidentemente Huawei ha deciso di cambiare numerazione, saltando direttamente alla 8.0.

Secondo XDA Developers, la nuova versione della EMUI con Android Oreo non sarà la 6.0 ma la 8.0, in linea con la versione Android

Sempre il sito XDA Developers ha infatti indagato a fondo sulla ROM messa a disposizione e ha trovato un’incongruenza nei file del firmware. All’interno del firmware di Huawei Mate 10, Huawei Mate 10 Pro e Mate 9 – tutti con Android Oreo a bordo – è stata trovata questa linea di codice:

ro.build.version.emui=EmotionUI_8.0.0

Invece, all’interno del firmware del nuovissimo Honor 7X, con Android Nougat, la linea corrispondente è questa:

ro.build.version.emui=EmotionUI_5.1

Come si evince chiaramente, Huawei sembra aver scelto di saltare direttamente alla versione 8.0 della Emotion UI. Una scelta un po’ bizzarra ma che non comporta assolutamente alcun cambiamento dal punto di vista dell’utente finale.

Sembra infatti che la compagnia abbia intenzione di allineare le varie versioni della propria UI alle versioni di Android. Nonostante sembra strano saltare in tronco la EMUI 6.0 e 7.0, questa scelta è sicuramente frutto di studi interni. Probabilmente, lo scopo principale è di rendere le idee più chiare agli utenti meno esperti. In ogni caso, il cambiamento è puramente estetico, e non comporta alcuna differenza all’aggiornamento che arriverà a breve sui devices selezionati.

Via

Autore dell'articolo: Simone Gobbi

Sono un ragazzo di 20 anni, perito energetico. La tecnologia è sempre stata la mia grande passione, e scrivere di tecnologia è il mio hobby preferito in assoluto.