Pagare con WhatsApp? Entro fine anno sarà possibile

Nell’ultimo periodo si sta parlando molto di denaro in genere. Dalla moda delle criptovalute fino al possibile tentativo da parte del colosso della messaggistica WhatsApp di introdurre un metodo di pagamento nell’App più scaricata al mondo.

Si chiamerebbe WhatsApp Payments e potrebbe essere disponibile entro la fine del 2017.

Secondo alcune immagini trapelate sul web la funzione farebbe parte della versione beta 2.17.295 e permetterebbe di scambiare denaro tra gli utenti utilizzando semplici messaggi.

L’intento degli ingegneri è quello di permettere di trasferire denaro da una banca ad un’altra, in base alla banca di appartenenza di ogni contatto, in modo da garantire un modo semplice e veloce di scambio denaro.

Un’idea proiettata in un futuro potenzialmente privo di moneta contante di cui si è largamente parlato già diversi anni fa.

Dal punto di vista tecnologico non ci troviamo davanti a nessuna grande innovazione, questa tipologia di scambio denaro esiste già su Paypal (tramite indirizzo di posta elettronica), JiffyPay (del Gruppo Intesa che permette di scambiare denaro con un sms e una commissione di soli 50 centesimi) e tanti altri sistemi in collaborazione con le banche.

Potenzialità

Il punto di forza di WhatsApp Payments potrebbe essere la poplarità di WhatsApp stessa. L’App di fatti vanta 1,3 miliardi di utenti attivi mensilmente per uno scambio giornaliero di messaggi che si aggira sui 55 miliardi di messaggi.

Non sono ancora chiare le dinamiche del servizio, potrebbero esserci delle piccole commissioni per il trasferimento, quest’ultimo potrebbe avvenire direttamente alle banche o su conti virtuali, tipo Paypal, o in una sorta di salvadanaio dedicato all’App con il quale fare acquisti su Facebook (Proprietario di WhatsApp) in modo veloce e semplice.

Aspettiamo maggiori informazioni a riguardo, intanto ti chiediamo di condividere questo articolo e lasciare un like alla nostra pagina Facebook e iscriverti ai canali Telegram dedicati che trovi in fondo alla pagina in modo da rimanere sempre aggiornato

 

Davide d'Ambrosio

22 Anni, nato in Puglia dove vivo e studio Architettura dopo essermi diplomato in Industrial Design. Da sempre appassionato di computer e tecnologia in generale, blogger per vocazione, amante di fotografia e musica.

Close