Recensione Samsung Galaxy A5 2017 - il miglior medio gamma in casa Samsung

Recensione Samsung Galaxy A5 2017 – il miglior medio gamma in casa Samsung

Siamo qui oggi per parlare di uno dei medio gamma dell’anno scorso di Samsung. Si tratta del Samsung Galaxy A5 2017, uno smartphone completo e assolutamente interessante per il prezzo a cui viene venduto attualmente. Vale ancora la pena comprarlo esattamente un anno dopo il lancio ufficiale? Scopriamolo insieme in questa recensione.

 

CONFEZIONE E CONTENUTO

La confezione di questo Samsung Galaxy A5 2017 è davvero completa, tipico di Samsung. E’ in cartone rigido bianco, molto solida al tocco. All’interno troviamo ovviamente lo smartphone, un caricatore da 5V/1.55A con ricarica rapida, il cavo USB Type-C, un paio di cuffiette in-ear di buona qualità e un comodissimo adattatore Type-C – MicroUSB, nel caso non aveste a portata di mano il cavo Type-C. L’ho trovato veramente comodo.

Voto: 9.

MATERIALI, DESIGN E TOUCH AND FEEL

Per quanto riguarda i materiali, questo Samsung Galaxy A5 2017 si presenta come uno smartphone davvero premium. Troviamo infatti un bel vetro stondato anteriore, con tutti i lati smussati che gli conferiscono un aspetto da vero top di gamma, facendolo sembrare QUASI “edge”. Sul retro abbiamo esattamente lo stesso vetro: il telefono è praticamente simmetrico, con l’asse di simmetria che lo taglia a metà. Il frame laterale è ovviamente in alluminio molto sottile, con incastonati tutti i tasti e fori vari per microfoni e carrellini delle SIM.

Anche per quanto riguarda il design Samsung Galaxy A5 2017 mi ha decisamente convinto. Un po’ anacronistico (ma d’altronde, parliamo di uno smartphone di un anno fa), con il display 16:9 e il tastone centrale con sensore di impronte, comodissimo e abbastanza veloce. Il mio è in colorazione Light Blue, sia frontalmente che posteriormente. Una colorazione davvero particolare ma che mi è piaciuta molto, conferendo un aspetto giovanile, meno anonimo allo smarphone.

Per quanto riguarda il touch and feel sembra di prendere in mano uno smartphone top di gamma. Anche se ormai questo è diventato lo standard, fa sempre piacere la solidità costruttiva di un telefono. Non ci sono parti in plastica, scricchiolii o incertezze strutturali.

Mi è piaciuta davvero molto una feature che non avevo mai visto su nessun altro smartphone: per sbloccare il telefono è sufficiente appoggiare il dito sul sensore di impronte, senza premere fisicamente il tasto. Un’accortezza davvero intelligente che permette di allungare notevolmente la vita al tasto centrale, uno dei componenti più fragili in un device. E’ presente il jack da 3.5mm oltre alla porta Type-C. Ho apprezzato molto anche la certificazione IP68, che ritengo non fondamentale ma sicuramente molto apprezzata su ogni smartphone moderno.

Voto: 8 e mezzo

DISPLAY

Il display è un Super AMOLED da 5.2 pollici, con risoluzione FullHD (1920×1080). Niente da dire a riguardo, conosciamo tutti bene i Super AMOLED (in particolare quelli di Samsung) che si confermano ancora una volta i miei display preferiti in assoluto. Colori vividi, accesi, a volte sparati, restituiscono un feedback visivo davvero soddisfacente. I neri sono ovviamente profondissimi, i bianchi tendenti all’azzurrino permettono un’ottima visibilità anche sotto la luce intensa del sole.

Il sensore di luminosità funziona molto bene, è veramente reattivo nel rilevare i cambiamenti di luminosità e i livelli di luminosità sono ben tarati. Assolutamente nessun problema di visibilità sotto la luce del sole, grazie ai colori vividissimi del Super AMOLED. La risoluzione FullHD su un 5.2” restituisce una densità di pixel di 424 ppi, assolutamente soddisfacente.

Voto: 9.

PROCESSORE E MEMORIA

A bordo di questo Samsung Galaxy A5 2017 troviamo un Samsung Exynos 7880, processore medio gamma proprietario octa-core clockato a 1.9GHz, abbinato con una scheda grafica Mali-T830MP3. Troviamo inoltre 3GB di RAM con 32GB di memoria, espandibili tramite microSD. E’ anche disponibile una versione con 64GB di memoria.

Nel complesso, le prestazioni sono discrete (mi aspettavo peggio), anche se ho trovato qualche impuntamento a causa della Touchwiz di Samsung, davvero pesante da far girare. Non si tratta di vero e proprio lag, ma di alcuni strani bug che, ad esempio, non mi facevano aprire certe applicazioni (ci premevo sopra ma non succedeva nulla) o mi facevano crashare il launcher, costringendomi ad aspettare qualche secondo perché si riavviasse. Nulla di insormontabile, anche se fastidioso: comunque, si tratta di episodi piuttosto saltuari.

Diciamo che io non lo comprerei sicuramente per l’interfaccia utente: ma questa è una mia opinione personale e ovviamente va presa come tale. A molte persone la Touchwiz piace e su questo Samsung Galaxy A5 2017 è possibile avere un’esperienza di utilizzo piuttosto soddisfacente. Dunque se vi piace la UI Samsung e volete prestazioni decenti senza aver bisogno di velocità astronomiche, vi consiglio questo smartphone.

Voto: 7.

BATTERIA

Per quanto riguarda la batteria, il Samsung Galaxy A5 2017 si è comportato davvero bene. A bordo abbiamo una 3000mAh, assolutamente nulla di speciale ma che mi ha permesso di arrivare a sera inoltrata senza doverlo caricare durante il giorno. Come potete vedere nella recensione video, sono arrivato a quasi 6 ore di display acceso. In ogni caso il device supporta la ricarica rapida (che si può disattivare nelle impostazioni per allungare la vita della batteria), permettendo di ricaricare il device in circa un’ora e mezzo. Dunque un’autonomia non stellare, ma assolutamente buona, perfettamente adatta all’utente medio.

Voto: 8 e mezzo.

TELEFONO E RETE

Per quanto riguarda la ricezione telefonica, c’è poco da dire. Questo Samsung Galaxy A5 2017 si comporta bene per quanto riguarda la velocità di connessione e la qualità dell’audio in capsula. Anche in zone di campagna sono sempre stato in 4G fisso (ovviamente con Vodafone). Ho avuto un po’ di problemi in cima ad un monte, ma per colpa del segnale telefonico assente e sicuramente non del telefono.

Ho notato invece un surriscaldamento notevole nel passaggio da una cella all’altra. Viaggio spesso in treno e utilizzo sempre il telefono come hotspot portatile. Nonostante il cambio cella sia buono ma non eccellente (mi ha lasciato qualche minuto senza connessione più di una volta), il telefono in tasca era diventato letteralmente bollente e ho dovuto metterlo attaccato al finestrino per lasciarlo raffreddare.

Voto: 7 e mezzo.

FOTO, VIDEO E AUDIO

Per quanto riguarda il comparto fotografico, forse uno dei punti di forza principali di questo Samsung Galaxy A5 2017. A bordo troviamo una single camera posteriore da 16MP, con apertura focale f/1.9. Una fotocamera veramente ottima, difficile da trovare nel mercato europeo in questa fascia di prezzo. La risoluzione è notevolmente alta, e la quantità di dettagli catturata quasi impressionante. Inoltre, l’apertura focale bassa permette di scattare buone (non ottime) fotografie anche al buio. Le trovate tutte nella sezione Gallery.

Frontalmente, un altro pezzo forte: abbiamo infatti una seconda camera da 16MP, anch’essa con f/1.9. Praticamente lo stesso sensore che troviamo posteriormente, per scattare selfie perfetti. La fotocamera anteriore è ottima, ed è davvero difficile trovare fotocamere anteriori così buone, soprattutto in questa fascia di prezzo. Non essendo un amante dei selfie, preferisco di gran lunga la camera posteriore.

Entrambi i sensori, sia anteriore che posteriore, permettono di registrare fino a 1080p e a 30fps.

Non mi è piaciuta per niente invece l’interfaccia: scarnissima, con pochissime opzioni, confusionaria e non degna del sensore fotografico equipaggiato da questo Samsung Galaxy A5 2017. Inoltre, l’HDR è manuale (on/off) e non automatico, quindi dovrete fare un paio di passaggi per attivarlo o disattivarlo. La stabilizzazione ottica non c’è, quindi i video saranno un po’ mossi ma niente di vergognoso. Potete guardare voi stessi la gallery per giudicare la qualità foto e video di questo device.

Voto: 8, per l’interfaccia penosa.

GIUDIZIO FINALE

Per concludere, mi sento di consigliare questo Samsung Galaxy A5 2017 a chi cercasse un buon medio gamma di una marca largamente affermata (anche se la fascia media non è mai stata il punto forte di Samsung…), con un’interfaccia classica, una buona fotocamera e prestazioni discrete. Attualmente lo si può trovare sui 250/260€ online, un prezzo assolutamente accettabile per il prodotto offerto.

Ovviamente, a questo prezzo si trovano controparti di produttori cinesi che sono ad un altro livello, sia in prestazioni che in tutto il resto. Personalmente mi è piaciuto: mi aspettavo peggio ma mi ha sorpreso per l’usabilità. Il tasto centrale con sensore di impronte, il design classico, il display compatto lo rendono un prodotto degno del suo prezzo e tutt’ora consigliato, anche ad un anno di distanza.

Voto finale: 8.

GALLERY

RECENSIONE VIDEO

 

Autore dell'articolo: Simone Gobbi

Sono un ragazzo di 20 anni, perito energetico. La tecnologia è sempre stata la mia grande passione, e scrivere di tecnologia è il mio hobby preferito in assoluto.