Come ottenere il root Mi Note 2 e installare la recovery TWRP

Uno dei diversissimi modi di personalizzare il proprio smartphone è quello di ottenere l’accesso completo al cellulare. Oggi scopriremo, a TechnoBlitz, come ottenere il controllo completo del nostro smartphone. Impareremo a sbloccare il root del Mi Note 2.  Questo ci servirà a sbloccare nuove funzionalità e a far partire applicazioni che non partirebbero normalmente. Dopo aver completato l’operazione, sarà possibile installare tantissime ROM, tutte personalizzate. Xiaomi, purtroppo, è uno di quei brand che mette in vendita telefoni non rootati. E’ compito del cliente, quindi, procedere al root del suo smartphone.

 

Primi passi per ottenere il root del Mi Note 2

Il primo avvertimento che vorrei darvi è il seguente: vi invito a procedere solamente se siete consapevoli dei rischi che un root sbagliato può portare. Il telefono potrebbe non funzionare in maniera corretta. E’ consigliato quindi che solo gli utenti più esperti e “smanettoni” inizino a seguire la guida.
La prima cosa che bisogna fare è sbloccare il bootloader col tool ufficiale della Xiaomi, il “Mi Unlock tool”. Potete trovare maggiori informazioni qui.
Seguire correttamente e con molta attenzione ogni passaggio per evitare di danneggiare il dispositivo. Una volta completato questo procedimento, possiamo iniziare ufficialmente l’installazione della recovery TWRP.

Files necessari per il root del Mi Note 2

1) ADB e fastboot driver per il PC. Da installare sul PC. Vedrete la cartella ADB nella partizione C. (C:/ADB). Verrà installata anche la cartella dei driver.
2)TWRP Recovery. Estrarre la cartella sul PC.
3)SuperSU. Da copiare sulla scheda SD del proprio smartphone.

 

Root del Mi Note 2 e installazione della recovery TWRP

Procederemo per step.
1)Abilitare la USB debugging mode. Per riuscirci, basta andare in Impostazioni. Scorrere fino a che non si trova “Informazioni” o “Informazioni dispositivo” (o qualcosa del genere). Aprire il menu e cliccare ripetutamente su “Numero build”. Ora potrete attivare la debugging mode.

2)Aprire la cartella ADB precedentemente salvata sul PC. Tenere premuto shift e fare clic col tasto destro del mouse in qualsiasi punto della cartella. Selezionare “Apri finestra di comando qui.”

3)Copiare la TWRP recovery scaricata in precedenza. Incollarla nella cartella ADB e rinominarla “Recovery.img”.

4)Connettere il cellulare al PC. Attivare il Debug USB. Riavviare lo smartphone in modalità fastboot. Per farlo, basta tenere premuto, da telefono spento, contemporaneamente il tasto per abbassare il volume e il tasto di accensione. Tenerli premuti fino alla scritta “fastboot”.

5)Aprire il prompt dei comandi e digitare: “fastboot flash recovery Recovery.img​”. Questo installerà la recovery sul cellulare. Digitare questo comando nella recovery: “fastboot boot Recovery.img”.

6) Ora il Mi Note 2 si avvierà nella modalità TWRP recovery. Selezionare la lingua preferita. Poi selezionare “Non mostrare di nuovo. Avviare lo Swipe “to allow modifications”, come da immagine:

8. Andare sulla sezione “Wipe” e cliccare “Format data”. Scrivere “yes”.

9. Ora trasferire la cartella .zip “SuperSu” sul cellulare.

10. Selezionare l’opzione di installamento e selezionare la zip”Super Su”. Avviare la “Swipe to install SuperSu” e riavviare il cellulare. Una volta concluso il procedimento, il tuo Mi Note 2 è rootato con la Recovery TWRP.

Via

Michele De Leonardis

Articolista presso TechnoBlitz, amante delle lingue straniere, della letteratura e della musica. 22 anni, sono iscritto alla facoltà di Mediazione linguistica e studio Inglese e Tedesco.

Close