super-Terra

Provata l’esistenza di un’atmosfera attorno alla super-Terra GJ 1132b

L’utilizzo del telescopio ESO/MPG, in Cile, ha permesso ad un team di astronomi di fare una scoperta decisamente interessante. Il pianeta con caratteristiche terrestri GJ 1132b, lontano 39 anni luce, sembrerebbe infatti possedere una propria atmosfera.

Il pianeta in questione è classificato come una super-Terra, ed ora si tratta dell’unico mondo paragonabile al nostro a possedere un’atmosfera osservata dai nostri telescopi. Ovviamente questo fattore rappresenta il primo, importantissimo passo verso un possibile sviluppo di forme di vita su di esso.

[wp_bannerize group=”banner nicholas 1″]

Il team di ricerca a cui vanno i meriti della scoperta, guidato dal Dr John Southworth della Keele University, ha utilizzato il telescopio ESO/MPG in Cile per osservare la stella del sistema in questione, GJ1132.

Stiamo parlando di una stella di dimensioni decisamente inferiori al Sole, un tipo di corpo sempre più frequentemente rivelatore di pianeti rocciosi simili alla Terra.

I ricercatori sono stati in grado di misurare una lieve diminuzione di luminosità mentre il pianeta e la sua atmosfera assorbivano luce emessa dalla stella.

Seppur non si tratti di aver trovato tracce di vita su un altro pianeta, rappresenta comunque un passo nella giusta direzione: la scoperta di un’atmosfera attorno alla super-Terra GJ 1132b è la prima per quanto riguarda pianeti paragonabili alla Terra.

 

Ci sono possibilità di trovare forme di vita su GJ 1132b?

La via più utilizzata dagli astronomi per trovare tracce di vita su altri pianeti è studiare la composizione chimica delle loro atmosfere. Nel nostro caso, ad esempio, la presenza nell’atmosfera terrestre di un’alta percentuale di ossigeno è un segno inequivocabile dello sviluppo della vita.

super-Terra
GJ 1132b, il fratello della Terra che potrebbe ospitare forme di vita

Prima di questa incredibile scoperta, le uniche testimonianze di atmosfere attorno ad esopianeti erano tutte collegate a giganti gassosi.

Secondo le simulazioni condotte dal team di Southworth, questo pianeta, di dimensioni poco superiori alla Terra, potrebbe essere un mondo oceanico con un’atmosfera formata da vapore rovente.


Sempre più spesso, negli ultimi anni, team di astronomi riescono a scovare sistemi formati da pianeti rocciosi di dimensioni terrestri, primo fra tutti il sistema della stella TRAPPIST-1. Nei prossimi anni la comunità scientifica accoglierà una nuova generazione di telescopi, che sicuramente saranno in grado di spingere l’occhio umano ancora più in là nel cosmo.

Forse potremo persino scoprire che le condizioni adatte alla vita non sono poi così rare nell’Universo.

 

 

Fonte: scitechdaily.com

Autore dell'articolo: redazione