GNOME Boxes: macchine virtuali Linux sul desktop GNOME.

GNOME Boxes rende più facile il test delle distribuzioni Linux

La creazione di macchine virtuali Linux sul desktop GNOME sta per diventare molto più semplice.

La prossima versione principale di GNOME Boxes è in grado di scaricare i sistemi operativi Linux (e basati su BSD) direttamente all’interno della stessa app.

I box sono gratuiti, software open-source. Può essere utilizzato per accedere a sistemi sia remoti sia virtuali poiché è costruito attorno alle tecnologie di virtualizzazione QEMU, KVM e libvirt.

Per la sua nuova integrazione ISO-box, Box fa uso di libosinfo, un database di sistemi operativi che fornisce anche dettagli sui requisiti di qualsiasi ambiente virtualizzato.

In questo video (omonimo) dello sviluppatore di GNOME, Felipe Borges, puoi vedere quanto sia semplice la schermata migliorata di “Selezione sorgente”, compresa la possibilità di scaricare un’architettura ISO specifica per una data distro:

Video dello sviluppatore Felipe Borges

Video : GNOME, Felipe Borges, fa vedere quanto sia semplice utilizzare la schermata migliorata di “Selezione sorgente”

Nonostante GNOME sia un’app di base dobbiamo confessare che molti di noi non hanno mai usato Boxes. Non è che non ho sentito cose positive è solo che ho più familiarità con l’installazione e la configurazione di macchine virtuali in VirtualBox.

‘Il pigro smanettone dentro di noi apprezzerà questa integrazione’

Ammesso che non è esattamente difficile uscire e scaricare una ISO usando il browser, quindi puntare su una macchina virtuale (diamine, è ciò che molti di noi hanno fatto per circa un decennio).

Ma il pigro geek dentro di noi apprezzeranno davvero questa integrazione.

Quindi, grazie a questa funzione, apriremo i box direttamente nel nostro sistema, quando GNOME 3.28 verrà rilasciato il prossimo marzo, e aaremo in grado di lanciare Boxes, chiudere gli occhi, scegliere un sistema dalla lista a caso, e allargare all’istante i miei orizzonti a forma di Tux.

Via