CardPhone

CardPhone, quando la semplicità è tutto!

Un po’ per gioco, un po’ per scherzo ho deciso di acquistare questo CardPhone simpaticissimo da GearBest per la cifra approssimata di 8€. Si tratta, come si può facilmente immaginare, di un semplicissimo telefono con il supporto alle reti 2G (NON FUNZIONA DUNQUE CON LA 3) che può chiamare e ricevere autonomamente senza bisogno di uno smartphone di riferimento.

CardPhone C6

Confezione e contenuto

Essendo un telefono piccolo, la scatola ha dimensioni ridottissime e un contenuto praticamente assente. All’interno della scatola in cartone, troviamo un semplice user-manual, il telefono e il cavo per la ricarica.

Il manuale, seppur non essendo in italiano, è comprensibile e ricco di dettagli: si hanno infatti le specifiche del telefono, una spiegazione della tastiera con un’immagine della disposizione del microfono, altoparlante e tasto accensione/spegnimento, il tipo di sim card supportate e come inserire la stessa all’interno.

[adrotate banner=”6″]

Materiali e display

Come immaginabile, i materiali sono decisamente cheap. Abbiamo la scocca interamente in plastica con la scritta “CARD” incisa nel retro vicina allo slot per la nano sim. Anteriormente, un semplice display da 0.96 pollici nel quale sono indicate veramente tante informazioni (tenendo sempre presente la grandezza dello stesso):

  • indicazione del campo presente
  • la rete a cui ci stiamo appoggiando
  • la batteria (icona divisa in 3 parti per quantitativo di batteria residua)
  • l’ora
  • la data
  • “Menu”
  • “Nomi”

Menu

Il menu ha bisogno, viste le tante possibilità, di una sezione a parte. Al suo interno, infatti, vi sono diverse sotto-categorie:

  • Rubrica telefonica
  • Servizio clienti (dove è possibile consultare il registro delle chiamate (effettuate, ricevute e perse))
  • Messaggi (si può scrivere un nuovo sms, leggere quelli ricevuti, consultare le bozze, leggere quelli inviati e gestire le opzioni dei messaggi)
  • utilizzare l’organizer (calendario, allarme (fino a 5 sveglie impostabili) e calcolatrice)
  • Impostazioni (Configurazione telefono, Impostazioni di rete, Scorciatoie, Impostazioni di protezione, Ripristino impostazioni)
  • Profili utente (Generale, Silenzioso, Riunione, Esterno)
  • Bluetooth (Alimentazione (attivo/disattivo), Visibilità, Il mio dispositivo, Cambia nome dispositivo

Bisogna ammettere che, pur essendo un telefono base, si tratta di un prodotto nel suo campo ricco.

[adrotate banner=”6″]

Funzionamento

Il telefono, ovviamente, permette le chiamate sia in uscita che in entrata tramite l’altoparlante e il microfono principale sfruttando la rete della sim al proprio interno. La qualità delle chiamate, sorprendentemente, è veramente buona: tramite la piccola griglia dell’altoparlante il suono esce bene, non è “ferroso” e sopratutto non vi sono interferenze. Anche i nostri interlocutori, come confermato e provato con mano durante un paio di chiamate, ci sentono chiaramente senza alcuna interferenza.

Interessante anche la funzione bluetooth perchè permette, collegando il CardPhone allo smartphone principale, di rispondere direttamente dal nostro piccolo telefono.

Perchè comprarlo?

Non esiste una vera e propria motivazione: è un gadget e, come tale, è un acquisto d’impulso. Per il funzionamento e la curiosità che porta, i quasi 8€ spesi per farlo arrivare tramite GearBest possono sembrare persino pochi anche se, effettivamente, non è un dispositivo fondamentale (dato che le chiamate possiamo ampiamente farle con gli smartphone che ognuno di noi ha).

GearBest | Link acquisto

Autore dell'articolo: Simone Quaglia