AlphaBay Market Down, sarà una truffa?

Come ben possono sapere tutti i miei lettori con un minimo di conoscenza, nel Deep e Dark Web è possibile effettuare acquisti di ogni tipo (AlphaBay Market), da uccisioni effettuate da serial killer fino a droga e armi di ogni genere e portata.

Ovviamente è tutto illegale e “gli acquirenti” senza un minimo di conoscenza e la giusta protezione potrebbero passare diversi anni al fresco, quindi adesso non correte dalla mamma a dire: “voglio comprare un AK-47 dal Dark Web!1!1!1!”.

Tornando seri, il noto market molto legale che è AlphaBay, dove potete acquistare una vasta selezione di armi e droghe come se fossero caramelle, secondo diversi utenti da martedì notte non sarebbe più raggiungibile,  e qui rispetto ad altri siti, purtroppo anche italiani, che hanno gridato alla truffa e all’indignazione, io invece vi invito a mantenere la calma dato che il 99% dei siti presenti nelle reti onion sono ospitati da server del calibro di Raspberry Pi 3, magari anche con una connessione poco decente, oppure nei migliori casi da vecchi server del valore di poche centinaia di euro.

Si perchè sono tutte soluzioni abbastanza “casalinghe”, non credete mica che host importanti lavori nell’illegalità o che comunque sia tutto al chiaro del sole.

Quindi dato che molte volte un Commodore 64 sarebbe più potente di quei server, anche con un minimo DoS effettuato da un paladino della giustizia un sito medio del Dark Web potrebbe non tornare più online per diverse ore dato l’hardware e la connessione alla rete scadente.

Il nuovo “Silk Road” ha spaventato diverse decine di clienti, che dopo aver pagato e aver visto il sito offline hanno immediatamente cercato di contattare tramite diverse vie gli amministratori del sito, però senza alcuna risposta.

Bisogna anche dire che gli amministratori prima del down avrebbero ritirato ben 1.479.03904709 Bitcoin, circa l’equivalente di $ 3.8 milioni, tantissimi per un comune mortale ma veramente pochi per loro.

Un utente su Reddit (non scrivo l’username per buona fede) ha calmato le acque invitando tutti a calmarsi dicendo che il sito sarebbe tornato il prima possibile online.

Con questo concludo l’articolo ricordandovi che in quel posto molti siti non riescono a vedere l’alba una volta creati o gli stessi amministratori non gliela fanno vedere, affidabilità e Dark Web sono un binomio utopico.

P.s NON CONSIGLIO CALDAMENTE A PERSONE INESPERTE DI VISTARE UN CERTO TARGET DI SITI ANCHE SOLO A SCOPO EDUCATIVO, IN QUANTO POTRESTE METTERVI IN UNA BRUTTA SITUAZIONE.

 

Davide Palmieri

Davide Palmieri è nato a Torino il 2 Ottobre del 2000, già dopo qualche anno dalla nascita inizia ad utilizzare il PC e ad appassionarsi sul mondo tecnologico e informatico. Attualmente è il Direttore Fondatore di TechnoBlitz.it, ma è anche un Junior Pentester e Arbitro Effettivo presso la sezione A.I.A di Torino.

Close