Samsung Galaxy S7 esploso: ustioni di secondo e terzo grado

Le disavventure Samsung sembrano non avere mai fine. Prima è toccato al Note 7, poi alle lavatrici e ora si è verificato un altro caso di esplosione sul Galaxy S7.

Ad essere la vittima, proprio il proprietario che si è ritrovato con ustioni di secondo e terzo grado.

Galaxy S7: l’accaduto

Il proprietario, un uomo canadese di 34 anni, era alla guida del proprio veicolo domenica scorsa. Il telefono si trovava nella sua tasca, quando ad un certo punto si è riscaldato. Il proprietario lo ha preso in mano ed in quel momento è esploso. Per fortuna, dichiara lo stesso, che aveva i finestrini del veicolo aperti per lanciarlo immediatamente fuori dal veicolo, senza creare ulteriori danni. Tuttavia, l’automobilista non ne è uscito illeso, infatti ha registrato sulle mani ustioni di secondo e terzo grado.

Comunque, non avendo più a disposizione il telefono per chiamare i soccorsi, ha guidato fino a casa di un amico, dove si è fatto trasportare in ospedale.

Il telefono in questione è stato acquistato circa sei mesi fa al prezzo di 1000 dollari. Sicuramente la vittima contatterà Samsung, o addirittura farà causa all’azienda per danni economici, nonché per il dolore. Per guarire completamente, è stato riferito, che ci vorranno otto o nove giorni.

Via

Cesare Di Simone

Passione sfrenata per tutto ciò che è tecnologico utente di lungo corso Android e sostenitore di tutto ciò che è open-source e collateralmente amante del mondo Linux. La maggior parte delle conoscenze che ho in ambito tecnologico le ho apprese da autodidatta, riparo Pc e nel tempo libero mi dedico a scrivere articoli su Technoblitz.it di cui sono co-fondatore oltre a scrivere anche su Blastingnews.

Pubblicità