Samsung Galaxy Note 7 esplosi durante l’utilizzo

Come sappiamo il nuovissimo Samsung Galaxy Note 7 è appena entrato nel mercato, cominciando a far conoscere le proprie caratteristiche a migliaia di clienti che lo hanno acquistato. Alcune voci, articoli e blog però, in queste ore stanno ponendo l’accento su una peculiarità del Note 7 non proprio in linea con lo sviluppo tecnologico più avanzato, per un dispositivo da circa 879 euro. Alcuni blogger parlano infatti della “capacità” del Samsung Galaxy Note 7 anche di scoppiare, in alcuni casi con visibili fiammate, durante la ricarica e non solo.

 



Il primo caso sarebbe stato accertato in Cina

Il primo caso si sarebbe verificato in Cina, dove nel web sarebbero state anche diffuse diverse immagini che ritrarrebbero un Note 7 esploso durante una connessione e l’utilizzo di un convertitore micro USB/USB Type-C. Resterebbe però da verificare se l’adattatore fosse originale e ufficiale Samsung, oppure uno di scarse qualità e di altra marca.

Continuerebbero i casi di esplosione del Samsung Galaxy Note 7

Alcuni autori e blogger si erano espressi speranzosi affinché questo fosse stato un incidente isolato in quanto, se diffuso, avrebbe messo in pericolo diverse migliaia di clienti Samsung. Ma la scorsa settimana sarebbe successo di nuovo, ed ora chi di dovere starebbe conducendo delle ricerche considerandolo un difetto non trascurabile, forse individuato nell’hardware. Come dicevamo, in quest’ultimo caso (probabilmente accertato) lo scoppio sarebbe avvenuto durante la ricarica del Samsung Galaxy Note 7. Ma anche in questa occasione non vi sarebbe certezza sull’utilizzo di un caricatore ufficiale o meno. Addirittura ci sarebbe chi sostiene che alcuni dipendenti Samsung avrebbero consigliato di utilizzare esclusivamente caricatori originali e tenendosi comunque lontani dal dispositivo durante la ricarica.

Samsung starebbe già effettuando dei test

Alcune fonti non verificate, sostengono che i Samsung Galaxy Note 7 esplosi, sarebbero stati ritirati dall’azienda e quest’ultima avrebbe cominciato ad effettuare delle verifiche per rilevare la causa dell’inatteso difetto. Un volta individuata, si potrà determinare se si tratta di un difetto di fabbrica e quanti dispositivi ne sono interessati. A tal punto l’azienda potrebbe anche essere costretta a ritirare tutti i Note 7 già consegnati, ritardando così anche la distribuzione su scala mondiale del prodotto. Tuttavia, alcuni commenti in rete, indicano le immagini diffuse dei dispositivi esplosi come dei falsi, in quanto si noterebbero alcune differenze nel design con i Note 7 originali.

Via

Iscriviti gratis alla newsletter:

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulle ultime notizie, recensioni e guide.




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: