Pre-Ordini di Google Pixel superano le aspettative

Google, ha confermato a molti di noi e a 9to5Google, che il Pre-Order di Pixel hanno superato le aspettative della società. Mentre Google spedisce i primi modelli a chi aveva già avviato il pre-order, molti altri clienti sono in attesa della disponibilità per questo prodotto.

Per tutti i clienti che prima avevano la data di arrivo del device in questa settimana, si sono visti una modifica dello stato da ‘pre-ordinato’ o ‘in attesa’. Per colpa di questo ritardo, infatti, molti utenti si vedranno obbligati ad aspettare fino a Novembre per provare questo Top di gamma.
Nonostante questi fatti, i rappresentanti Google, assicurano che il Pixel riuscirà ad entrare nelle case di tutti seguenti i tempi di marcia previsti, cosa che non convince proprio tutti…

Tuttavia, l’azienda ha anche riconosciuto, che, la forte domanda per il Pixel ha effetivamente superato le sue aspettative:

“Siamo entusiasti di vedere l’entusiasmo per i nostri nuovi telefoni Pixel, e francamente la domanda di  pre-ordini ha superato le nostre aspettative. Stiamo lavorando per rifornire il nostro inventario il più presto possibile.”

Mettendo da parte il prezzo fin troppo alto e la negatività che circonda la storia di questo  telefono, il Pixel e Pixel XL sembrano essere sulla buona strada per Google, che spera in un successo enorme.
Questi device fino ad adesso, hanno ricevuto solo riscontri positivi e molta curiosità da parte di appassionati di smartphone.

Credete che il Google Pixel meriti il successo che sta avendo? Lasciateci il vostro riscontro nei commenti ed Iscrivetevi alla Newsletter, in modo da poter rimanere sempre aggiornati!
TechnoBlitz.it Pre-Ordini di Google Pixel superano le aspettative

Fonte

Cesare Di Simone

Passione sfrenata per tutto ciò che è tecnologico utente di lungo corso Android e sostenitore di tutto ciò che è open-source e collateralmente amante del mondo Linux. La maggior parte delle conoscenze che ho in ambito tecnologico le ho apprese da autodidatta, riparo Pc e nel tempo libero mi dedico a scrivere articoli su Technoblitz.it di cui sono co-fondatore oltre a scrivere anche su Blastingnews.