Pompe freni, uno sguardo alla parte principale dell’impianto delle nostre moto

I biker concordano: per frenare al meglio e avere una moto sempre al massimo delle performance, alle volte bisogna metter mano personalmente alla scelta dei pezzi giusti con cui sostituire quelli in fornitura originale, come in particolare le pompe freni. Vediamo allora cosa sono e come funzionano questi accessori fondamentali.

C’è chi guida una moto, ovvero utilizza il mezzo (in tutte le sue forme) per spostarsi in modo veloce, specie nel traffico cittadino, e chi invece la possiede, rendendola parte integrante del proprio essere. O, senza arrivare a questi eccessi retorici, dedica molta cura e attenzione a ogni aspetto che riguarda la propria “creatura”, non disdegnando e anzi prediligendo degli interventi di customizzazione della stessa, per renderla ancor più performante, guidabile e, soprattutto, simile ai propri gusti ed esigenze. Uno degli aspetti fondamentali in questo processo sono le operazioni legate all’impianto frenante, che ovviamente spesso è sotto la lente di ingrandimento di chi si muove sulle due ruote; oggi, dunque, andiamo ad analizzare un po’ più da vicino le pompe dei freni.

Definiamo le “pompe freni”

Innanzitutto, la definizione. A uso soprattutto di chi è meno esperto, partiamo da una definizione di base di questo accessorio, come quella che viene offerta dall’enciclopedia online più famosa e utilizzata: sulla pagina dedicata di Wikipedia, infatti, si legge che “le pompe freni sono l’elemento che trasferisce il liquido freno dal serbatoio del liquido alla pinza o altro organo, in modo da poter azionare i pistoncini e premere le pastiglie contro il disco o i ceppi del tamburo contro lo stesso o altri sistemi”. Per azionare questo sistema si utilizza una leva, comandata con le dita o sul pedale.

Il meccanismo di funzionamento è molto semplice, così come la sua struttura: in situazione di riposo, il pistoncino presente all’interno va a poco a poco a coprire il foro di compensazione, dando il via alla compressione del liquido freni e azionando così la frenata; il liquido viene espulso dal foro di mandata/uscita e viene e inviato alla pinza freno.

Pompe freni
Pompe freni

Difetti e/o vantaggi, tante le possibilità

Radiale o assiale? Attualmente, si possono distinguere tre categorie basilari di questi accessori, che si differenziano principalmente per la loro disposizione: le assiali sono quelle più utilizzate ed economiche, e sono così chiamate perché il pistoncino che movimenta il liquido dei freni compie un percorso rettilineo, parallelo al manubrio; sono invece caratterizzate da un pompante posto a 45° rispetto al manubrio le semiradiali, che vantano un ingombro ridotto sia orizzontale che verticale. Infine, vanno citate le radiali, spesso considerate le migliori soluzioni per le moto sportive: queste pompe freni (pur non avendo un movimento realmente radiale rispetto al fulcro di rotazione della leva) presentano l’elemento pompante in posizione perpendicolare al manubrio, con ingombri minori in senso orizzontale, ma superiori in senso verticale.

Tanti pro. Per capire meglio le modifiche che questi strumenti consentono di apportare, basta leggere i vari forum specialistici dedicati al mondo delle due ruote, dove i centauri più scafati si scambiano pareri e consigli sui propri amati mezzi. A proposito delle pompe radiali, dunque, la maggior parte degli utenti è convinta che si migliori la risposta alla frenata, si faccia meno sforzo a frenare e, in complesso, si aumenti il feeling con la leva, assicurando una sensazione di frenata sia più potente. Altro aspetto importante, collegato al corretto montaggio di tubi in treccia, è l’eliminazione del cosiddetto effetto polmone, dovuto a una dilatazione fastidiosa delle guarnizioni e dei tubi in materiale plastico causata della temperatura che si genera sotto stress.

Parliamo di una scelta importante e da non sottovalutare

Ultimo passo, la scelta. Anche da quanto brevemente scritto si capisce che la pompa freno è la parte principale dell’impianto frenante della moto. Per questo, quando si decide di cambiare il pezzo originale montato sul proprio mezzo bisogna puntare senza dubbi al meglio dell’aftermarket: in questo, come sempre, il supporto giusto arriva da Omnia Racing, il portale dedicato agli amanti delle moto, che propone un vasto catalogo on-line di pompe freno realizzate dai produttori leader di mercato, come Brembo, Braking, Accossato o Discacciati, tra le quali sarà senz’altro possibile trovare quella più affine alle proprie esigenze.

Iscriviti gratis alla newsletter:

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulle ultime notizie, recensioni e guide.




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: