Modding: Che cosa sono gli strumenti ADB e Fastboot?

 

Avete mai provato ad ottenere i permessi di root  o flashato ROM sul vostro smartphone o tablet Android, allora avrai di sicuro sentito parlare ADB e/o Fastboot.

Per chi non conosce questi due strumenti vi spiegherò brevemente cosa sono, questi tool non possono essere usati da gente non esperta con il PC,  in quanto potrebbero causare seri danni allo smartphone o tablet. Essi vi permettono di fare operazioni di modding avanzate e vi consentono di inviare dei comandi da terminale sullo smartphone, dal PC mediante USB. Entrambi gli strumenti svolgono funzioni diverse,e possono essere installati contemporaneamente con relativa facilità sul PC.

Le funzionalità integrate negli strumenti ADB e Fastboot

Ecco una breve elenco delle loro funzionalità:

  • Android Debug Bridge (ADB): è uno strumento che permette di inviare un’ampia gamma di comandi da terminale, tra cui non solo i comandi di base della shell di Linux, ma anche alcuni comandi per sviluppatori di app o di ROM per dispositivi Android ( se attivato in precedenza la modalità sviluppatore e attivato il debug sul dispositivo Android). È possibile inviare i comandi mentre il telefono ha sistema avviato, o anche quando il telefono è in modalità ripristino.  Spesso ADB è utilizzato in combinazione con root per modificare il telefono, ma è possibile utilizzare ADB per inviare comandi da terminale a dispositivi senza il root attivo.

  • Fastboot: permette di modificare il firmware del telefono, consente di inviare comandi al bootloader, permette di flashare/modificare il sistema , oltre a permettere di installare una custom recovery. Certo ha alcuni limiti non si possono flashare ROM intere con esso, ma è utile per le funzionalità a cui non assolve ADB. Il Fastboot non è abilitato su tutti i telefoni, in quanto alcuni hanno bootloader bloccato, controllate il vostro dispositivo nello specifico.

Entrambi questi tool sono disponibili scaricando ANDROID SDK, tuttavia dovrete scaricare parecchie librerie necessarie solo a sviluppatori di app, che francamente alla maggior-parte degli utenti non interessa.

Per chi non vuole scaricare la pesante libreria di Android ma vuole installare lo strumento ADB e Fastboot per rootare il telefono, flashare ROM, installare custom recovery o fare backup della ROM ecco le guide d’installazione per:

 

 

 

 

Cesare Di Simone

Passione sfrenata per tutto ciò che è tecnologico utente di lungo corso Android e sostenitore di tutto ciò che è open-source e collateralmente amante del mondo Linux. La maggior parte delle conoscenze che ho in ambito tecnologico le ho apprese da autodidatta, riparo Pc e nel tempo libero mi dedico a scrivere articoli su Technoblitz.it di cui sono co-fondatore oltre a scrivere anche su Blastingnews.

cesaredisimone has 19 posts and counting.See all posts by cesaredisimone

Iscriviti gratis alla newsletter:

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulle ultime notizie, recensioni e guide.




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: