Hacker di 19 anni aveva un patrimonio di $385000 – TechnoBlitz.it

Hacker di 19 anni aveva un patrimonio di $385000

Grazie alla scoperta a livello mondiale della potente e temibile Mirai botnet, che giusto 12 giorni fa ha messo offline quasi tutto il Web, molti hacker e persino lamer e script kiddie hanno iniziato a creare delle reti botnet formate da PC fino a dispositivi più aperti, come le telecamere di sorveglianza.
Queste gigantesche e colossali botnet infine venivano affittate per effettuare attacchi DDoS e così hanno creato un vero e proprio lavoro che gli veniva anche ben retribuito.

Mudd a 19 anni, ormai ex studente di Hertford,  a Old Bailey il 28 Ottobre è stato dichiarato colpevole di aver effettuato tramite la sua botnet questi attacchi DDoS a pagamento.                                   Questo lavoro abbastanza sporco ha portato il nostro hacker Adam Mudd a guadagnare ben $ 385.000.                                                                                                                                                                   Già da qualche mese ormai è diventato un vero e proprio business, infatti di botnet del genere se ne possono trovare a bizzeffe in rete.

Veniva chiamato Titanium Stresser, lo strumento che riusciva a fare attacchi DDoS a pagamento in tutto il mondo.
Adam comunque a confessato che dietro a tutto questo c’erano anche dei cyber criminali, sicuramente molto più esperti di lui (black hat).

TechnoBlitz.it Hacker di 19 anni aveva un patrimonio di $385000
Pagina di login del Titanium Stresser.

Il Procuratore Jonathan Polnay ha dichiarato che l’adolescente avrebbe lanciato 592 attacchi DDoS contro 181 indirizzi IP tra il dicembre 2013 e il marzo dello scorso anno.
Inizialmente si pensava che anche i Lizard Squad utilizzassero la sua botnet, o che comunque fossero in qualche modo collegate le due vicende ma dopo varie precise analisi hanno scoperto che non c’era alcun collegamento.

Via

Davide Palmieri

Davide Palmieri è nato a Torino il 2 Ottobre del 2000, già dopo qualche anno dalla nascita inizia ad utilizzare il PC e ad appassionarsi sul mondo tecnologico e informatico. Attualmente è il CEO di TechnoBlitz.it, oltre ad essere anche il fondatore e il recensore principale lavora come Beta Master presso varie aziende ed è un Junior Pentester.